Scelte rapide:


ESPA - Finanziaria 2013: Nessun euro sarÓ tagliato ai progetti in corso per le persone con disabilitÓ grave in Sardegna.

Immagine rappresentativa per: ESPA - Finanziaria 2013: Nessun euro sarÓ tagliato ai progetti in corso per le persone con disabilitÓ grave in Sardegna.

La Sardegna si conferma prima in Italia per il sostegno personalizzato e coprogettato per le persone con disabilitÓ grave e gravissima a carattere domiciliare e de-istituzionalizzante.Clicca qui per continuare a leggere l'intervento di Marco...

In Finanziaria non ci sono "solo" i 10 milioni aggiuntivi per i piani personalizzati. Dopo la bella pagina del taglio all'Irap, con l'emendamento che abbiamo promosso, firmato e approvato all'unanimitÓ dal consiglio regionale nella seduta , le istituzioni sarde (pur tra mille battaglie) hanno saputo dimostrare ancora una volta di saper farsi carico delle persone in situazione pi¨ estrema.
Non sono solo quindi i 10 milioni aggiuntivi stanziati con il nostro emendamento, ma Ŕ bene fare il quadro del totale degli investimenti:

circa 134 milioni di euro saranno stanziati nel bilancio regionale (a cui vanno sommati i 7 milioni e mezzo di euro di provenienza statale, grazie alla battaglia nazionale promossa dal "nostro" Salvatore Usala, vedi cliccando qui e qui) a partire da mercoledi prossimo dopo l'approvazione della Legge di Bilancio, per dare risposte, sostegno e diritti umani per oltre 38 mila sardi in situazione di gravitÓ, con progetti che prevedono per le situazioni dei gravissimi (si vedano appunto i malati di sla) finanziamenti, anche integrativi, che possono superare i 45000 di euro all'anno ( contro i pi¨ di 700 mila annui ciascuno che costerebbero alla collettivitÓ se ricoverati in strutture sanitarie)
un'occupazione di lavoratori e lavoratrici del settore (la stragrande maggioranza sardi) che si stima tra i 15 mila e i 17 mila (part-time).
Un indotto di ulteriori 40 milioni (stima) messo sul mercato dei servizi dalle famiglie come compartecipazione volontaria.
Un rientro alla fiscalitÓ generale (tra irpef, iva inps ecc) valutato intorno ai 50 milioni di euro, grazie ad una fortissima emersione del lavoro nero, vera ex piaga del settore.
ed infine, il contributo dato dal sostegno delle famiglie, dei caregivers - i familiari che si fanno carico dei propri cari a domicilio, circa 75000 - che si stima facciano un "lavoro" di cura ovviamente non retribuito intorno ai 500 milioni aggiuntivo. Senza le famiglie e senza l'incentivo dei finanziamenti del fondo per la non autosufficienza la spesa pubblica socio sanitaria esploderebbe in maniera esponenziale. Con il nostro Fondo per la non autosufficienza la Regione Sardegna risparmia e crea sviluppo.

In questi ultimi anni inoltre la spesa Ŕ rimasta sostanzialmente invariata, in particolare per i sardi con disabilitÓ grave al di sotto dei 65 anni, presto forniremo nuovi dati.

Con un investimento di "soli" 140 milioni di euro quindi, si mobilitano risorse monetarie per 180 milioni di euro e risorse non monetarie per circa mezzo miliardo di euro, con notevoli risparmi per la spesa pubblica complessiva, con uno sviluppo dell'occupazione in "bianco" spalmata in tutti i comuni del territorio regionale.

Tutto Ŕ migliorabile ovviamente e il "fronte" della battaglia si sposta nella lotta contro tutti i burocratismi e procedure ampollose e inutili, che rischiano di rallentare il godimento di diritti esigibili, ma...si tratta di un vero e proprio "modello Sardegna" come lo abbiamo battezzato noi e che crea sviluppo, Ŕ un motore di sviluppo per evitare l'assistenzialismo, i contributi a pioggia.

Tutto questo senza dire (prima ancora) che vengono rispettati i diritti umani delle persone, ovvero poter vivere nella propria casa, nella propria famiglia, nella propria comunitÓ in qualunque situazione si trovino.

E, questo, dobbiamo dirlo, non ha proprio prezzo!



Marco Espa

membro Commissione SanitÓ e Politiche Sociali del Consiglio Regionale della Sardegna.

[14 maggio 2013]